giovedì 9 dicembre 2010

Alla mia lettera ha risposto un solo partito !!!!

Lettera aperta di proposta : inviata all’unico partito che mi ha risposto nella persona del sig : Matteo Salvini Lega Nord gli altri non hanno nemmeno risposto!!!
Buongiorno sono Riccardo Cazzola artigiano in Milano La mia proposta e lotta. alla quale vorrei Voi siate informati e che magari manco immaginate o non avete avuto modo di conoscere ?
è quella della legge cosi detta "contribuenti minimi " :
vedo di entrare più nello specifico di quella che considero una presa per i fondelli ?
Chissà quanti come me alle prese con questo intricata legge e di assurda interpretazione da parte dell'agenzia delle entrate .
La legge cita che quello che hanno ricavi inferiori ai 30.000 euro annui (probabilmente ormai vicini al fallimento per le troppe tasse e balzelli ) possano considerarsi contribuenti minimi ma nello specifico chi puo accedere a questa categoria detta "contribuenti minimi"?
Imprese individuali e professionisti singoli che: nell'anno precedente: hanno conseguito ricavi o compensi non superiori a 30.000 euro non hanno avuto lavoratori dipendenti o collaboratori (anche a progetto) non hanno effettuato cessioni all'esportazione non hanno erogato utili da partecipazione agli associati con apporto di solo lavoro nel triennio precedente non hanno effettuato acquisti di beni strumentali per un ammontare superiore a 15.000 euro (i beni strumentali solo in parte utilizzati nell'ambito dell'attività di impresa o di lavoro autonomo esprimono un valore pari al 50 per cento dei relativi corrispettivi) iniziano l'attività e presumono di possedere i requisiti di cui ai punti 1) e 2). Il limite dei 30.000 euro di ricavi o compensi deve essere ragguagliato all'anno. Ad esempio: per una nuova attività che inizia il 1 settembre 2008 il limite è di 10.000 (4/12 di 30.000)
. Attenzione: Possono scegliere il nuovo regime già dal 2008 anche i contribuenti "minimi in franchigia" che avevano optato per il regime ordinario .
ed ecco la schifezza finale che taglia fuori parecchi di noi !
che pagando degli affitti che vengono considerati (non ne capisco bene il perchè ? acquisti ? vedi legge :
Beni strumentali rilevanti D. L'articolo 1, comma 96, lettera b), della legge finanziaria per il 2008, con riferimento alle condizioni per l'accesso al regime dei contribuenti minimi, 9 richiede che nel triennio solare precedente non siano stati effettuati acquisti di beni strumentali, anche mediante contratti di appalto e di locazione, pure finanziaria, per un ammontare complessivo superiore a 15.000 euro.
Non è, tuttavia, specificato se per beni strumentali si debbano intendere solo i "beni mobili strumentali" o anche gli "immobili strumentali". In particolare, vanno computati nel limite di euro 15.000 anche gli importi corrisposti per la locazione dell'immobile in cui è svolta l'attività!!!
R. Ai fini dell'individuazione degli acquisti di beni strumentali, il cui acquisto ai fini dell'accesso al regime non deve superare nel triennio solare precedente l'importo di euro 15.000, vanno considerati i beni strumentali sia mobili che immobili. Il legislatore, infatti, fa generico riferimento ai beni strumentali, tra i quali rientrano sicuramente anche quelli immobili. Poiché al raggiungimento del limite in commento rilevano gli "acquisti di beni strumentali anche mediante contratti di appalto e di locazione, pure finanziaria", dovranno essere considerati anche gli importi corrisposti per la locazione dell'immobile in cui è svolta l'attività economica.
1.7 Individuazione del triennio di riferimento per il limite relativo ai beni strumentali acquistati D. Il triennio di attività entro cui computare il limite di acquisto dei beni strumentali di euro 15.000 deve essere inteso come triennio di operatività effettiva o come triennio dalla richiesta di apertura della partita IVA? Ad esempio, un'impresa che ha richiesto la partita IVA il primo settembre 2005, ma ha iniziato l'attività il primo gennaio 2006, deve computare nel limite di euro 15.000 anche i beni strumentali acquistati da settembre a dicembre 2005, periodo in cui il soggetto è stato inattivo?
10 R. Nell'individuazione degli acquisti di beni strumentali rilevanti per il raggiungimento del limite di euro 15.000, deve farsi riferimento al "triennio solare precedente", a prescindere dall'effettiva operatività del soggetto. Nel caso di specie, in particolare, rileveranno tutti gli acquisti di beni strumentali effettuati nei tre anni solari precedenti al 2008, ossia nel 2005, nel 2006 e nel 2007.
1.8 Limite dei beni strumentali, rilevanza dell'IVA D. Il costo sostenuto per l'acquisto di beni strumentali ai fini dell'ingresso e della permanenza nel regime dei minimi deve essere considerato al netto o al lordo dell'IVA?
R. Ai fini dell'applicazione del regime dei minimi i contribuenti nel triennio solare precedente non devono aver effettuato acquisti di beni strumentali, anche mediante contratti di appalto e di locazione, pure finanziaria, per un ammontare complessivo superiore a 15.000 euro (articolo 1, comma 96, lettera b) della legge finanziaria 2008).
Nell'ammontare degli acquisti, ai sensi dell'articolo 2, comma 4, del D.M. 2 gennaio 2008, si assumono i corrispettivi relativi alle operazioni effettuate ai sensi dell'art. 6 del D.P.R. n. 633 del 1972.
Occorre fare riferimento, dunque, all'ammontare dei corrispettivi degli acquisti che rilevano secondo le ordinarie regole dell'imposta sul valore aggiunto, laddove, nel sistema dell'IVA, i corrispettivi delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi costituiscono la base imponibile cui è commisurata l'imposta. In definitiva, sia in fase di accesso al regime che durante la sua applicazione, il rispetto del limite degli acquisti di beni strumentali di cui alla lettera b) del comma 96, deve essere verificato con riferimento al costo sostenuto al netto 11 dell'imposta sul valore aggiunto, anche se non è stato esercitato il diritto di detrazione (cfr. circolare n. 7/E del 2008, quesito 2.8, lett. b).
ed ecco la porcata finale chi ha avuto negli ultimi anni affitti per 15.000 euro totali non può accedervi !!!!!!
e se fosse stato di proprietà senza affitti sì ???
ma stiamo scherzando noi un affitto lo buttiamo al vento non acquistiamo nulla !!!!!
a Voi la sentenza di una porcheria simile alla quale aggiungerei altre due chicche ;
uno come me che nella sua mini attività che fa riparazioni e vendita debba avere 2studi di settore e altresì pagare i posteggi in righe blu a Milano.
per uno che come mè necessita dell'uso dell'auto per lavorare!!!! Ci vedreste noi istallatori con stampanti, monitor, computer, lavatrici ,frigoriferi in metrò e su un tram ?
Vi posso assicurare che così non si può andare avanti , dare una mano su questi temi credo sia una buona iniziativa per salvare parecchie micro attività e magari far si che ne nascano di nuove .
grazie per l'interessamento che spero sia concreto , per qualsiasi altra specifica sono disponibile e Vi ringrazio dell'attenzione Riccardo Cazzola
per chi vuole replicare : http://artigianiincrisi.blogspot.com/ email : rikimago@gmail.com

Nessun commento:

Posta un commento