giovedì 8 ottobre 2009

NEGOZI CHE CHIUDONO

Da gennaio a giugno 2009 hanno chiuso in Italia 36.000 negozi. 6.000 AL MESE. 200 al giorno. A fine anno le previsioni di Confesercenti sono di MENO SETTANTAMILA. Soprattutto a conduzione famigliare. Resistono le grandi catene. Un calcolo prudenziale, pur tenendo conto dell'apertura di nuovi negozi, è di almeno 200mila persone senza lavoro quest'anno. I negozi chiudono per la crisi, per la mancanza di ottimismo dei consumatori, per la concorrenza dei supermercati e per le tasse. Sui primi tre punti è difficile intervenire, sull'ultimo invece si può. I negozianti devono pretendere l'uguaglianza fiscale di fronte alla legge. Se i grandi evasori pagano il 5% per lo Scudo Fiscale, anche il commercio al dettaglio deve avere un'aliquota massima del 5%. Altrimenti, come dice Mavalà Ghedini, la legge è uguale per tutti, ma l'applicazione è diversa. Macellai, cartolai, fruttivendoli, droghieri, pizzicagnoli e panettieri allineate le vostre tasse dei negozi a quelle sui capitali mafiosi. Seguite il consiglio di un mio amico di Reggio Emilia:
"Hai parlato di sciopero fiscale. Beh senti questa. Me ne parlava un amico un'ora fa. Sua moglie commerciante con negozio a Parma è incazzatissima per lo scudo fiscale. Entra una signora telerimbambita ed inizia la manfrina: "Ma ha visto che scandalo Annozero? Devono chiudere quella trasmissione, comunisti, assassini, povero Silvio...bla,bla"... Lei ascolta non dice niente ed alla fine dopo che la cliente ha pagato le dice: "Signora oggi ho deciso. Non le faccio lo scontrino dal momento che tanto 300 miliardi di euro di evasione fiscale Berlusconi li ha condonati. Quindi ora anche io lo faccio. Che ne dice?" La cliente telerimbambita è rimasta inebetita...è andata in tilt non sapeva che dire...ed è uscita con la coda tra le gambe dicendo: "Eh si, forse ha ragione...".
E se organizzassimo la diffusione di una protesta di questo genere. COMMERCIANTI che aderiscono e mettono il cartello:
"OGGI NON FACCIO LO SCONTRINO. CONTRO LO SCUDO FISCALE CHE CONDONA 300 MILIARDI DI EURO DI EVASIONE"
tratto dal blog di Grillo

5 commenti:

  1. Buonasera, Le aziende chiudono a raffica i collaboratori rimangono senza lavoro e senza speranza e le ns amate televisioni?????
    Dedicano la serata rispettivamente sul canale pubblico al caso (seppur meritevole di rispetto) dell'omicidio di Garlasco mentre su Mediaset si parla delle confessioni in Tv partendo dal caso Franzoni.
    Che dire del lavoro e delle imprese non frega più a nessuno.
    Cordiali saluti.

    RispondiElimina
  2. Buonasera a tutti i colleghi, vorrei prima di attaccare il mondo della politica farVi presente che come imprenditori paghiamo quote associative rispettivamente alle varie associazioni di categoria quali: api, cna, commercianti.....che dovrebbero farsi sentire perchè in qualità di associati dovremmo avere dei benefici, invece alcuni di questi signori si curano solamente di conservare il LORO POSTO DUNQUE COMINCIAMO A TOCCARE I PORTAFOGLI di lorsignori. Personalmente ho già cominciato a muovermi in questa direzione, mi spiego meglio. Se pago l'assicurazione e questa ultima in caso di sinistro non paga ALLORA PERCHE' DEVO PAGARLA????? Basta versare i contributi a chi NON CI TUTELA, ora il vero gruppo di pressione siamo tutti noi riuniti, vedrete se sospendiamo le quote associative come alzano il deretano dalla sedia, basta non abbiamo mica l'anello al naso siamo imprenditori mica buoi.

    RispondiElimina
  3. Ciao.....Se vai sul blog http://soscommerciolucca.blogspot.com puoi vedere i due ultimatum, artigianato e commercio sottoscritto da diversi commercianti e artigiani in tutta Italia. Ti prego di diffondere l'informazione, Grazie, Davide

    RispondiElimina
  4. Pistoia, 25 novembre 2009
    Intervista telefonica in diretta sull'argomento USURA BANCARIA andata in onda
    mercoledì 25 novembre 2009 sulla emittente
    RADIO STUDIO 54 di FIRENZE con Salvatore GERMINARA e GHERI GUIDO.
    Per quanti interessati all'argomento.

    RispondiElimina
  5. Pistoia, 25 novembre 2009
    CRISI delle AZIENDE - DIRITTI dei CITTADINI
    Chiedo un interessamento in merito alla seguente PETIZIONE:
    Diritto di difesa in sede giudiziaria da parte dei cittadini ed imprenditori
    Petizione ai sensi dell’art. 50 della Costituzione
    Senato della Repubblica n. 683 assegnata alla II Commissione Giustizia in data 16.06.2009
    Camera dei Deputati n. 671 assegnata alla II Commissione Giustizia in data 18.06.2009


    P E T I Z I O N E



    Oggetto: Petizione ai sensi dell’art. 50 della Costituzione.

    Argomento: Diritto di difesa in sede giudiziaria da parte dei cittadini ed imprenditori

    Il sottoscritto Salvatore GERMINARA, nato a Verzino (KR) il 25.01.1959 e residente a Pistoia, in Viale Adua n. 220 (tel. e fax 0573.903134 – c.id. n. AO 8531559 rilasciata dal Comune di Pistoia in data 9.12.2008 allegata),


    VEDI e SCARICA PDF del LINK sottostante
    http://cid-62189724ef08d23f.skydrive.live.com/self.aspx/PETIZIONE%20del%209.06.2009%20-%20camera%20e%20senato/petizione^_9.06.2009.pdf

    per ulteriri approfondimenti e contatti:
    Salvatore Germinara
    0573.903134
    salvatoregerminara@virgilio.it
    http://germinaraconsulenze.blogspot.com/

    RispondiElimina